Perchè ho scelto per1cent

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on Google+

Ciao a tutti, il mio nickname è ilnovi e voglio parlarvi dei motivi per i quali ho scelto per1cent fra tutti i siti di aste al centesimo che ho visitato fino ad ora. Inizierò con uno schema riassuntivo che provvederò poi a chiarire punto per punto:

1.Varietà e quantità dei prodotti.

2.Convenienza nell’ acquisto dei bid.

3.Chiarezza nella cronologia delle aste con dati che spesso e volentieri mancano agli altri siti.

4.La possibilità di partecipare a delle aste per ricariche paypal e pacchi “bidplus” (che trovo siano pure una strategia di marketing deliziosa).

5.Il fatto che i prodotti possano essere cambiati per denaro contante.

1. Probabilmente la prima impressione che mi ha lasciato la homepage di per1cent è stata la sorpresa di vedere così tanti e vari prodotti all’ asta. Mi ha colpito in particolare il fatto che il target a cui si rivolgono le aste di per1cent è particolarmente ampio MA allo stesso tempo mirato, mentre diversi siti mettono all’asta prodotti per attirare l’ attenzione di un pubblico generale. Mi spiego meglio: se metti in vendita un iphone il cliente tipo va dal ragazzino viziato al manager di successo, ma se all’ asta c’è un Trapano professionale il range si riduce in sostanza agli appassionati del “fai da te”. La gran parte dei siti di mette all’ asta prodotti che in molti sognano come l’iphone, il bello di per1cent è che non mancano i prodotti rivolti anche a categorie di utenti ben precise.

2.La matematica parla da sè. In media nei siti di aste al centesimo che ho visitato un bid costa almeno 10centesimi, qui acquistando il primo pacchetto in promozione si passa a 1/4 esatto di quella somma (15euro/600bid)!

3.Per1cent, non solo ricorda quando un utente sta usando l’ autobid (fattore a dir poco fondamentale per evitare di buttarsi allo sbaraglio), ma fa presente anche quando questo cambia i parametri dell’autopuntata! è vero, si tratta di un arma a doppio taglio perchè può rivoltarsi contro, ma a quel punto sta all’ utente prendere il cotello dalla parte del manico..

4. A volte un utente può non sentirsi attirato dai prodotti (o magari aver superato i limiti di vincita!).. perchè non investire per il denaro stesso allora? è un tipo di asta che fa gola a molti, motivo per cui in realtà è meglio avvicinarvisi con cautela.. Riguardo al pacco bid plus, fate due conti: più bid aggiungi all’ asta più ne guadagni in caso di vincita. Non mi sembra necessario aggiungere altro.

5.Anche questa iniziativa parla da sè ed è assolutamente unica nel suo genere. Inoltre assicura il fatto che la vincita di un asta porti beneficio all’ utente anche nel caso in cui cambi idea “in corso d’ opera”.

Probabilmente vi chiederete se sono stato pagato per fare una “recensione” così positiva, ma ovviamente non è così. Vi sto ponendo davanti a fatti oggettivi sotto gli occhi di tutti: pensateci un attimo! Detto questo, mi permetto di sconsigliarvi di incontrarmi sul campo di gioco.. diciamo che non mollo l’osso facilmente! Buona asta a tutti, Un saluto da ilnovi


Autore: per1cent

Condividi questo post su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.