Per una manciata di BID

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on Google+

Quelli che scrivono sul blog di “per1cent.it” si possono classificare in tre categorie. C’è anzitutto la categoria dei CRONISTI. Sono quelli che raccontano la vita dell’Universo “per1cent”. Poiché di questa vita, le aste sono l’espressione principale, raccontano essenzialmente di aste.

Ti spiegano la scelta dell’oggetto, come si è aperta l’asta, se sono stati impiegati o meno gli AutoBid, se i concorrenti sono stati tenaci o remissivi, come si è arrivati a veder apparire la magica parola “FINITA”, se si sono concluse con un prezzo troppo alto o troppo basso, se il vincitore ha fatto l’affare della vita ecc, ecc. Insomma raccontano un’asta come Niccolò Carosio raccontava alla radio una partita di calcio. Manca solo che, mutuando da un noto telecronista di Sky, ti scrivano che, alla fine, sono andati tutti sotto la doccia. C’è poi la categoria degli STUDIOSI. Questi iniziano là dove terminano i cronisti. Loro non raccontano come si è svolta un’asta, ma “perché” l’asta si è svolta in quel modo. Parlano di scelta dell’asta in rapporto al giorno e all’ora più opportuni per parteciparvi: è meglio il giorno o la notte?, il giorno feriale o il festivo? a che prezzo si sono concluse le aste precedenti con lo stesso oggetto? C’è qualche strategia che si è dimostrata vincente? ecc. ecc. Manca solo che ti dicano di aver scoperto un algoritmo che ti fa puntualmente vincere al verificarsi di un certo insieme di circostanze. Una terza categoria è quella dei DOCENTI. Sono quelli che si sentono investiti della missione di prendere per mano gli altri utenti, soprattutto i neofiti. Spiegano cosa fare o non fare per vincere, per non spendere troppi bid. Insomma, per avere, insieme, la botte piena e la moglie ubriaca. Tutti gli estensori del blog, comunque, sono uniti da uno scopo comune. Scrivono, parafrasando il titolo di un celebre film (Per un pugno di dollari), per una manciata di bid.


Autore: per1cent

Condividi questo post su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.