Strategie vincenti: esistono?

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on Google+
Non lo so. Almeno per mia esperienza, ho potuto notare che quasi tutte le aste sono imprevedibili. 
Qualcuno dice di “spaventare” gli altri concorrenti all’asta impostando l’autobid: se l’asta non vale la candela lasceranno perdere e vincerete con pochi centesimi. Io ho provato, e a volte va bene, a volte va male, e non dipende purtroppo dal prodotto. Potete trovare aste con prodotti da 200 euro in su che si chiudono per pochi centesimi senza nessun autobid vincente come ritrovarvi in uno scontro all’ultimo sangue per 3 kg di caffè. Conta quindi il prodotto? A mio parere fino ad un certo punto. Ovvio che se c’è un iphone molto probabilmente vi ritroverete in un’asta dove o inserite l’autobid (se ne avete una buona scorta) o state li a fare puntate manualmente rischiando un esaurimento. Ma non è certo, non c’è nessuna certezza che sarà così. Conta l’orario? Non lo so, non ne sono sicura, giocando per due giorni di fila e osservando aste non dico per 24 ore ma almeno per 12 non ho trovato molte differenze, anzi ad un certo punto mi sono chiesta se gli utenti dall’altra parte erano dei terminator tornati indietro dal futuro per cambiare il destino di noi poveri mortali arrivati su wellbid.com. Conta il giorno? Mah… per questo ci vorranno almeno due o tre settimane di attenta analisi… mi sa che prenderò ferie per questo! 
A parte gli scherzi (ovviamente mi riferisco alle presunte ferie), Io credo che più che di strategie vincenti si possa parlare di buonsenso con una sana dose di fattore C o di semplice fortuna. Su questo sito di aste al centesimo (come in tutti gli altri) c’è una percentuale di “giocatori” amatoriali, come me e come molti altri, che vedono in questo sito un posto dove divertirsi e acquistare con un notevole risparmio rispetto ad un normale negozio, ed una percentuale di “giocatori” professionisti, che investono in bid per acquistare prodotti a prezzi decisamente più bassi perfino di un grossista per poi rivendere su altri siti di aste a prezzi irrisori riuscendo ad ottenere lo stesso un ottimo guadagno. Ma questi signori li troviamo ovunque, e il fatto che ci sia un limite di aste che ciascun utente si può aggiudicare (grazie wellbid) non dico che li può fermare ma, di sicuro, mette loro i bastoni tra le ruote e lascia respiro a noi. 
Buon divertimento a tutti!!

Autore:

Condividi questo post su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.