Gli occhi del falco e l’astuzia degli avvoltoi

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on Google+

Immaginate un picchio che si appresta a forare una lastra di acciaio molto spessa invece che un tronco d’albero. Il suo movimento è sempre lo stesso: continuo, veloce, forte e sempre sullo stesso punto, riuscirà mai a bucare la lastra? Supponiamo che per assurdo prima o poi riuscisse anche a forarla, quanto tempo impiegherebbe? E, infine, come pensate si sia ridotto il suo becco alla fine? Molti utenti, quando sono sul sito a caccia di aste, potrebbero rischiare di provare un impresa simile a quella del picchio descritto. Questo perché si può cadere nell’ errore di concentrarsi subito su aste troppo difficili, come oggetti d’elettronica di ultima generazione(ipad, iphone, ps3, galaxi s3 ecc…), senza avere i mezzi necessari per farlo. A volte si può essere fortunati e riuscire subito ad aggiudicarsi un’asta difficile, ma nella maggioranza dei casi quando “martelliamo” continuamente su un’asta troppo difficile, con pochi BID e senza aspettare neanche che l’asta salga di prezzo, rischiamo di “romperci il becco”, ovvero di sprecare tutti i BID. Restiamo delusi e ne usciamo a mani vuote, senza la possibilità di poter partecipare ad altre aste.
Adesso invece provate a riflettere sul comportamento che assumono il falco e l’avvoltoio quando sono a caccia. Il falco guarda tutti dall’ alto, studia le prede per capire quali sono le più vulnerabili, la sua vista è molto ampia e arguta. Con astuzia, dopo aver monitorato tutto il suo territorio, decide di intervenire sulla preda dove è sicuro di avere successo. L’avvoltoio anch’ esso astuto si nutre delle carcasse morte, infatti permette che siano prima gli altri a : uccidere la preda e mangiare la maggior parte della carne. Solo alla fine dopo che anche le iene si sono allontanate, arriva lui e senza fare nessuna fatica, senza combattere con altri predatori, si ciba dei restanti brandelli di carne che sono rimasti attaccati alla carcassa e se ne va sazio. Perché porto questo esempio? Quando si partecipa alle aste, fissarsi sempre e solo sugli oggetti “più desiderati”, quando non si hanno i mezzi necessari per farlo, è una tattica spesso fallimentare, perché proprio come tu sogni di aggiudicarti un iphone o ipad di ultima generazione, a pochi euro, anche gli altri sognano lo stesso. Invece potete ampliare la vostra veduta, stare a guardare anche quelle aste in cui e più conveniente partecipare. Non solo , saltare continuamente da un asta all’ altra, per verificare continuamente a che punto si trova l’ asta e per monitorare se all’ interno di quest’ ultima, partecipano ancora gli stessi offerenti, in modo da capire anche quanti BID sono stati utilizzati. Non importa che quel profumo, o quella pen-drive, non vi serva, perché se è facilmente acquistabile, a pochi centesimi, è sempre conveniente e può tornare utile. Meglio quella, piuttosto che niente. Questo perché i prodotti possono essere convertiti anche in denaro o in BID. Se farete questo, allora sarete astuti proprio come il falco e l’avvoltoio. Al contrario se siete nuovi iscritti, o comunque avete pochi BID a vostra disposizione e vi fissate sempre e solo su quei 2-3 oggetti più “desiderati”, allora farete la fine del picchio descritto sopra, che invece di scegliersi un tronco d’albero, per cibasi e insediare un nido, si è scelto una lastra di acciaio luccicante, affascinante, che però non riuscirà mai a forare.

Un saluto a tutti e… occhio!!

Autore:

Condividi questo post su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.