Esistono, eccome se esistono

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on Google+

Nell’universo di WellBid interpreto ruoli diversi. Il ruolo più importante è quello della generalità degli utenti che hanno un account sul sito ed è quello di partecipare alle aste. Il secondo ruolo è quello dell’osservatore, che mi porta a studiare tutto ciò che capita sul sito, con particolare riguardo alle aste, sia quelle a cui partecipo sia quelle che mi limito ad osservare.

Il terzo ruolo è quello di blogger perché, con una certa frequenza, mi cimento nello scrivere nuovi post da pubblicare sul blog, proprio come sto facendo in questo momento. Ieri ho fissato la mia attenzione su un’asta che sarebbe partita di lì a poco e che aveva per oggetto un Pacco da 2.500 bid. Dall’elenco ho richiamato la relativa scheda d’asta e, nell’ambito della stessa, la schermata delle “Statistiche”. Come è noto, le statistiche sono una delle ultime novità del sito, introdotta per dare al sito il massimo della trasparenza. In essa vengono riepilogate le ultime dieci aste dando, per ognuna di esse: avatar e nome utente del vincitore, il numero identificativo dell’asta, il prezzo finale pagato dal vincitore, il numero di bid usati dal vincitore, il costo totale per il vincitore e il risparmio conseguito dal vincitore a confronto con il valore di mercato dell’oggetto. Guardando la schermata delle statistiche ho subito notato che il nome di un vincitore appariva ben quattro volte, cioè che quell’utente aveva vinto quattro delle ultime dieci aste relative a Pacchi da 2.500 bid.. Niente male come percentuale. Allora la mia curiosità è cresciuta e ho voluto estendere l’indagine a tutte le aste come questa svoltesi negli ultimi trenta giorni. Con attenzione certosina ho fatto scorrere tutte le videate di “aste finite” degli ultimi trenta giorni, riguardanti Pacchi Bid e in particolare riguardanti Pacchi da 2.500 bid. Premesso che di queste aste ne vengono indette non più di due al giorno, ho potuto concludere che, nel periodo considerato, se ne erano svolte 60 e di queste 60 il nostro utente ne aveva vinte la bellezza di 17. Ho anche potuto constatare che altri quattro o cinque utenti ne avevano vinte più di una e, complessivamente, almeno 13. Conclusione: questo ristretto numero di utenti aveva vinto il cinquanta per cento delle aste svoltesi nel periodo considerato. Sulla base di queste risultanze posso ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, dichiarare che gli “Utenti Forti” esistono, eccome se esistono. Esistono ed esiste pure il tentativo di imitare il ,loro nome utente allo scopo di assicurarsi i relativi vantaggi che poi si riassumono in una minore difficoltà e in un minor costo per la vincita delle aste. Gli utenti forti vivono di rendita su una considerazione conquistata sul campo in vario modo.

La permanenza del loro nome-utente finisce col danneggiare sia gli altri utenti sia lo stesso sito: poca concorrenza poco prezzo. Secondo me esiste un solo modo efficace per ovviare a questa situazione: periodicamente, io dico ogni tre mesi. dovrebbe essere imposto il cambio del nome utente. Scaduto il periodo, l’utente che iniziasse la partecipazione ad un’asta dovrebbe ricevere una comunicazione di sistema che dica essere necessario cambiare il nome utente. Qui si apre pure la questione della differenziazione del nome utente dagli altri in essere e dal proprio scaduto. Io, ad esempio, ho visto proprio oggi che esistono i seguenti nomi utente (uso nomi inventati ma riproducenti il livello di differenziazione in essere): panino2 e panino4. E’ assolutamente insufficiente. Quando un nuovo utente propone un suo nome-utente, questo dovrebbe contenere almeno otto tra lettere e numeri e non dovrebbe avere dittonghi già contenuti nel proprio nome-utente scaduto o in tutti gli altri nomi-utente in vita sul sito. Per dittongo si deve intendere una sequenza di lettere e numeri costituita da almeno 4 o 5 componenti. Mi dispiace di insistere su questi argomenti, ma lo faccio perché voglio bene al sito e perché vorrei poter continuare a lungo a goderne i servizi.


Autore:

Condividi questo post su

1 Commento

  1. Ciao wellbid che bello trovarmi a scoprire cn curiosità il sito e osservare gli utenti che partecipano alle aste e molto attraente e nn ho saputo resistere all emozione mi son registrato e osservo come si comportano gli utenti x capire le tecniche che usano nel rilanciare e scegliere i prodotti complimenti direi che son pronto nel tuffarmi in questo mondo sensazionale e accattivante siete prontiiii 1 2 3 spero di saper iniziare ? saluti angelo squillante ?

    Rispondi

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.